Scegli la lingua
alt

GEOGRAFIA GIUDIZIARIA E VECCHI SOSPETTI









Solidarietà ai colleghi dei mandamenti di Casoria ed Afragola, il loro sdegno è logico e condivisibile.
Quando anni or sono si innestò l’infernale macchina della nuova geografica giudiziaria un pò tutta l’Italia si infuocò, l’intera classe forense si allarmò. Ancora una volta e come sempre, però, l’allora Governo andò avanti senza ascoltare le istanze territoriali, ma cosa ancor più grave, senza interloquire con l’AVVOCATURA istituzionale ed associata. L’AVVOCATURA istituzionale, però, non volle o non seppe, allora, far sentire la propria voce e molti COA e così anche il CNF, al di là di posizioni di pura facciata, nulla fecero per incidere seriamente sul processo in corso. Si insinuò addirittura che l’estrema concentrazione degli uffici giudiziari, facilitasse il controllo politico, oltre che opportunisticamente, il lavoro degli AVVOCATI. Mai si pensò ai cittadini che oggi per chiedere giustizia, devono fare lunghi spostamenti sobbarcandosi spese ultronee; mai si pensò di lasciare territori vastissimi, senza alcun presidio di legalità, ma si pensò solo ed unicamente al risparmio. Ebbene, in quel contesto, mentre i casi eclatanti come le isole, Sala Consilina etc., riempivano le prime pagine dei giornali, non mi pare che dalle nostre parti le istituzioni forensi fecero nulla di incisivo, rispetto a quanto oggi si chiede, lasciando il campo alle poche voci fuori dal coro.
Noi AVVOCATI siamo recidivi a piangere sul latte versato, ma ciò che mi sconvolge maggiormente è il risveglio di alcuni, stimati e stimabilissimi rappresentati forensi. Siccome allora, se non ricordo male, poco o nulla fecero, oggi risulta ancor più capzioso strumentalizzare una seppur legittima esigenza. Che la nuova geografia giudiziaria, a livello territoriale abbia bisogno di qualche aggiustamento, ritengo sia esigenza sacrosanta, sulla quale riflettere con coraggio, ma non può e non deve essere agitata da chi, oggi, permettetemi, non è più legittimato istituzionalmente, ne politicamente.
Cari colleghi dei mandamenti soppressi di Casoria ed Afragola, la vostra storia e tradizione professionale e giudiziaria è risaputa e riconosciuta, la vostra capacità riflessiva e politica altrettanto, quindi, abbandonando le polemiche che sono facile preda di immancabili strumentalizzazioni dei maestri della politica forense, uniamoci da colleghi, da AVVOCATI, da coloro che vivono quotidianamente i problemi e le avversità della professione forense, tenendo presente le esigenze del territorio e dei cittadini, che sono gli utenti della giustizia, uniamoci dicevo, nel costruire la nuova casa degli AVVOCATI, uniamoci nel far nascere e crescere NAPOLI NORD con nuove idee, nuove fondamenta e facciamo sì che il nuovo CONSIGLIO DELL’ORDINE DI NAPOLI NORD, sia autorevole e capace di manifestare e farsi interprete serio anche delle vostre istanze.

Commenti

Effettua il login per inviare commenti o risposte.
Login



Chi è online
 7 visitatori online
Chat Support
Contatore visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi54
mod_vvisit_counterIeri220
mod_vvisit_counterQuesta settimana720
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana873
mod_vvisit_counterQuesto mese2127
mod_vvisit_counterIl mese scorso1578
mod_vvisit_counterTutti i giorni57719

: 7 visitatori online
Il tuo IP: 54.82.7.231
Oggi: 21 Nov, 2018